Luglio – agosto, Letture al mare


Letture al mare, un classico estivo intramontabile: è su questa strada collaudata e sempre piacevole che si muove il patto tra la Libreria Palomarina, fresca di inaugurazione, e un gruppo di amici dell’Istituto Gramsci e della Fondazione Bianciardi, per proporre al pubblico grossetano già affezionato a qualche prova invernale, ma anche ai villeggianti di Marina di Grosseto, una serie di pagine lette ad alta voce e capaci di stimolare successive degustazioni più solitarie e personali. 

Fino a qui niente di nuovo, se non fosse che il programma esula dal tradizionale noir estivo risolto dall’immancabile detective nostrano e non prevede nemmeno storie di amori a ritmi caraibici, ma osa la grande letteratura, quella dei nomi intramontabili, quella che si potrebbe anche aver letto a scuola, per intenderci, o che potrebbe occupare le pagine di qualche rivista specializzata. 

La scommessa implicita nel progetto è conciliare la forza delle opere con la leggerezza della proposta: da qui l’idea di fare leva sulla pagina, intesa nel senso letterale del termine, per scovare al suo interno tutto il succo necessario per far nascere o risvegliare la voglia di saperne di più su un autore forse passato di moda, su un libro che non ci bombarda quotidianamente dai banner del pc. 

Tutta roba buona, lo garantiscono i presentatori, che assicurano di essere guidati, nelle loro conversazioni letterarie, esclusivamente dall’amore per i libri. “Un amor di pagina”, questo il titolo di un progetto antiaccademico e accogliente senza rinunciare all’affondo in uno dei campi più fecondi e complessi dell’intelligenza, quello della letteratura. 

Si parte il 7 luglio con I quattro cicli di Borges ovvero le storie non sono infinite, a cura di Nino Muzzi. 

Seguiranno Un posto pulito, illuminato bene di E.Hemingway, ovvero quel film già scritto, a cura di Lucia Matergi; 

Erzogh di S. Bellow, ovvero l’ebreo errante nella giungla della città, a cura di Flavio Fusi; 

“Le ragioni del cannibale”: un punto di vista antipodale (da: Memorie della vita selvaggia di Frederick Edward Maning) a cura di Valerio Fusi; 

Il castello di Kafka ovvero il rapporto con il Potere, a cura di Massimiliano Marcucci. 

Libreria Palomarina, Lungomare Leopoldo di Lorena, Marina di Grosseto, dalle ore 21,30.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *